Post recenti

Pagine: [1]
1

Un circuito economico a costo zero non è affatto un miracolo, ma una realtà.
Un blocco monolitico, che riesce ad  erogare anche  sino al 25% in più, che restituisce ogni commissione nella stessa moneta complementare e che obbliga ad usarla con regole di acciaio . Un circuito che  arriva a far crescere i consumi totali come  minimo sino al 6% in un anno, significa che chi vende riceve soldi in più e non in meno, che a sua volta  li spende nello stesso circuito e riceve nuovamente la differenza che ha utilizzato in un vorticoso sistema di scambio ove il valore della liquidità aggiuntiva, viaggia a velocità siderali per arrivare a tutti coloro che sono operatori e consumatori a loro volta.
Ove chi acquista riceve moneta aggiuntiva in un sistema che obbliga il venditore ad accettare di forza la differenza in moneta complementare, significa liberare moneta per un consumo costante pari al 25% totale annuo in più  accumulando costantemente il differenziale monetario aggiuntivo.
Aggiungere moneta e non sottrarla, significa tornare a far uscire l’acqua da tutte le fontane pubbliche possibili per levare il potere agli unici proprietari della suddette fontane, che hanno chiuso tutte quelle pubbliche e hanno costretto a bere la loro torbida e costosissima acqua.
Significa allontanare il morboso abbraccio a cui hanno costretto milioni di cittadini a sottostare a regole nefaste, in cui ogni euro in tasca altro non  è che  un volgare prestito che un signore della vattelappesca banca, ha erogato senza averne alcun titolo.
Significa imporre regole di mercato che abbattono definitivamente  il concetto della dipendenza monetaria di un intero popolo, succube del capo di una banca,  che ogni tanto si ricorda che è un essere umano, ma che ha una sola regola a cui deve obbedire, NULLA DEVE ESSERE REGALATO!.
Significa dettare le regole dello scambio etico, che difendono  l’ambiente e che non destina il capitale all'arricchimento sopra le testa di tutti, che sconfigge il criterio che i tantissimi mantengono i pochissimi sui loro troni d’oro massicci e  significa soprattutto  distribuire di forza l’accumulo delle risorse.
Se significherà  che anche un solo cittadino senza rubare niente riesce a comprare anche un solo chilo di pane in più la battaglia inizierà  ad essere vinta, ma per poterla vincere bisogna agire tutti quanti insieme.
Non interessano le chiacchiere, ci servono soldi per vivere dignitosamente, per essere capaci di lavorare con onore nelle aziende che eticamente pagano le maestranze, senza farli diventare schiavi delle imposte e delle tasse o sotto ricatto di un potere soverchiante che nel mondo, ma in particolare in EUROPA con regole semplicemente devastanti, antisociali, vessatorie e fondamentalmente criminali,  si mira esclusivamente a far restare nella povertà milioni di cittadini di cui 6  ad oggi sono italiani, quelli  che fanno i conti su come arrivare alla seconda settimana di un mese e dove ricevono solo calci in faccia h24 da anni e anni.
Cari venditori, partite iva professionisti, artigiani, agricoltori, pescatori , pastori,   aziende imprese, fabbriche se volete iniziare  a partecipare massicciamente  dovete capire che per farlo,  occorrono regole tassative per il rispetto di tutti, che non vi sarà concesso starci esclusivamente per speculare sule spalle dei poveracci , che solennemente vi impegnate a non aumentare  i prezzi più di quanto sia l’ inflazione, perchè vi controlleremo e vi sbatteremo fuori senza alcun appello , che il lavoro lo pagherete quello che vale, per la dignità di chi vi collabora e non certo per mettergli coltelli alla gola e  in cambio riceverete vantaggi smisurati che oggi avete dimenticato.
Voi siete noi e noi siamo voi. Non abbiamo alcuna differenza dato che se state annegando voi, annegheremo miserabilmente  tutti quanti e senza alcuna distinzione.
Incominciamo da questi sei milioni di cittadini e lo SPORCO POTERE FINANZIARIO  leverà   le mani da questi sventurati, perché a Dio piacendo, hanno definitamente  finito di chiedere  l’elemosina.
Il team polit_ico
Pagine: [1]